Tabelle PRAL degli alimenti: carne e insaccati

Tabelle PRAL degli alimenti: carne e insaccati

30 Settembre | Tabelle PRAL | Redazione

La carne, oltre a essere un alimento a elevato contenuto proteico, apporta ferro e ormone della crescita.
Al tempo stesso contiene molti grassi saturi e altri composti potenzialmente tossici che si generano durante la cottura (amine eterocicliche e idrocarburi policiclici aromatici).

Le ricerche confermano che più alto è il consumo di carne e altri prodotti di origine animale, tanto maggiore è il rischio di patologie cardiache e degenerative.

Pertanto, l’assunzione di carne andrebbe molto limitata e del tutto eliminata nel pasto serale.
Bisognerebbe inoltre evitare il consumo di carni troppo cotte, grigliate e grasse, dando la preferenza ai tagli magri per evitare le glicotossine che si formano nelle carni cotte a temperatura elevata.

Inoltre, sarebbe preferibile non fare uso di carni trattate, quali insaccati e wurstel, a causa degli additivi contenuti. Infine, per evitare di assumere ormoni e antibiotici attraverso la carne si suggerisce di consumare solo carne proveniente da animali alimentati a base di cereali di coltivazione organica.

La tabella PRAL (potenziale di carico acido renale) è uno strumento fondamentale per valutare l’equilibrio acido-base di una dieta.

Registrati per vedere l'articolo completo

Sei un professionista della salute? Registrati alla prima community dedicata all’Acidosi Metabolica latente per accedere all’area riservata e al materiale scientifico di approfondimento!